Carenza di ferro: Cause e rimedi naturali

Il ferro è un minerale fondamentale per l’organismo umano perché svolge molteplici funzioni per il benessere di quest’ultimo. Per tale ragione non dovrebbe mai verificarsi una carenza di ferro ma purtroppo a volte si manifesta questa condizione e le cause della carenza di ferro sono diverse. Vediamo perché questo elemento è così importante e come integrarlo al meglio.

Funzioni del ferro 

Il ferro ha l’importante compito di partecipare alla produzione di ormoni e tessuto connettivo, non solo, è anche il componente principale dell’emoglobina e mioglobina. Rispettivamente, tali proteine trasportano ossigeno al corpo e alla muscolatura e quest’ultimo non deve mai mancare perché nutre le cellule permettendo le funzioni metaboliche.

Il ferro è uno dei macroelementi maggiormente presenti nell’organismo e partecipando all’attività di molti enzimi, si intuisce come il fabbisogno giornaliero sia elevato, infatti è intorno ai 14 mg e se ci sono condizioni particolari come una gravidanza, ancora di più.

Anche se viene prodotto normalmente da una proteina chiamata ferritina, in alcuni casi si può verificare la carenza di ferro.

Da cosa è causata la mancanza di ferro

Questo elemento può diminuire nell’organismo a causa di diversi fattori:

  • Ferritina bassa in gravidanza: il feto aumenta le necessità dell’organismo e quindi un’eventuale mancanza di ferro nel sangue va trattata immediatamente per non causare danni né a quest’ultimo né alla madre;
  • Anemia sideropenica: detta anche anemia da carenza di ferro, questa condizione comporta livelli non adeguati di ferro e quindi il trasporto di ossigeno è compromesso dando luogo fra le altre cose a stanchezza e fiato corto;
  • Malassorbimento del ferro: una volta che viene, tramite la ferritina, rilasciato nell’organismo, il ferro deve essere assorbito dalle pareti gastriche. In alcuni casi questo processo viene compromesso, ad esempio nei soggetti che soffrono di gastrite;
  • Perdita ematica cronica: in questo caso, il ferro basso si verifica quando l’organismo perde più sangue di quanto ne produce e questo comprende anche le mestruazioni, le emorroidi, le ulcere, le emorragie;
  • Dieta errata: dal momento che i livelli di ferro nel sangue possono essere integrati con l’alimentazione, una grave carenza di ferro può essere determinata anche da un basso consumo di carne, che ne contiene in abbondanza, a fronte di troppa crusca e cereali;
  • Eccessiva attività sportiva.

Carenza di ferro, sintomi e conseguenze

Cerchiamo ora di capire la mancanza di ferro cosa provoca e quindi come riconoscere se il nostro organismo ha poco ferro. Diciamo che è relativamente semplice, infatti fra gli effetti carenza di ferro più comuni abbiamo:

  • Spossatezza e stanchezza sia fisica che mentale,
  • Stanchezza mattutina;
  • Mal di testa (ferro basso e mal di testa è in particolare l’accoppiata più comune),
  • Vertigini;
  • Difficoltà a respirare;
  • Poco appetito,
  • Perdita di capelli;
  • Mal di gola;
  • Unghie che si spezzano facilmente;
  • Formicolio alle gambe;
  • Mani e piedi freddi.

Rimedi

Abbiamo visto le maggiori cause e sintomi carenza di ferro ma come possiamo intervenire? Sicuramente dopo aver consultato uno specialista per capire esattamente l’origine del problema, possiamo assumere degli integratori naturali a base di ferro che non apportano sostanza nocive all’organismo ma sfruttando eccipienti di origine vegetale vanno a compensare questa carenza.  Ad essi è importante abbinare una corretta dieta. 

Un eccezionale integratore naturale è Ferrotech, prodotto della Piemme Pharmatech Italia.

Ferro basso cosa mangiare? È la domanda che a questo punto ti starai ponendo, sappi che una corretta dieta prevede:

  • Carne, in particolare di tacchino e cavallo;
  • Legumi, cereali e frutta secca;
  • Frutti di mare e pesce;
  • Fegato e frattaglie;
  • Rucola e verdure a foglia verde scuro;
  • Cioccolato fondente;
  • Tuorlo d’uovo;
  • Alimenti con vitamina C.
Ferrotech

Integratore alimentare a base di ferro bisglicinato, Lattoferrina e acido folico. Indicato in gravidanza, nelle anemie e nello sport.

Contiene: 30 capsule 550 mg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Magazine Web