Nella tana del serpente, un thriller sorprendente scritto da Michele Navarra

AUTORE:

Michele Navarra

TITOLO:

Nella tana del serpente

TRAMA:

Nella tana del serpenteNella tana del serpente è il settimo legal thriller di Michele Navarra che ambienta con maestria nella capitale, in periferia.

Il protagonista rimane il suo personaggio, l’avvocato Alessandro Gordiani che si trova a fronteggiare un caso che ha implicazioni di attualità sociale. Si parla, infatti, di un omicidio di un extracomunitario, arrivato su un barcone e provato dalla vita.

L’avvocato difende l’accusato, Elia Desideri, che ha avuto una vita difficile. Anche lui abita in una casa popolare di periferia a stretto contatto tutti i giorni con i nuovi arrivati in Italia. Ha perso la moglie e deve badare a due figli, fronteggiando anche i problemi della sua attività, un negozio di abbigliamento alle prese con la crisi.

In questo ambiente Elia non ha mai nascosto il suo risentimento per gli extracomunitari e, per questo, quando muore un ragazzo siriano viene subito additato come probabile colpevole. Un caso complicato con un epilogo avvincente.

PERSONAGGI E RUOLI:

Il personaggio principale è l’avvocato Gordiani che difende il secondo personaggio, l’accusato Elia Desideri. Il terzo personaggio chiave è la vittima Rashad Bayazid. Assieme a loro ci sono tutti i frequentatori del Serpentone, il complesso che comprende le case popolari di questa parte di Roma.

ARGOMENTO TRATTATO:

Il romanzo narra di una storia di crimine, in particolare di un omicidio mettendo in luce, allo stesso tempo, le problematiche sociali legate all’immigrazione e alla crisi economica con i risvolti sulle vite comuni di molti individui.

GIUDIZIO PERSONALE:

Lo stile scorrevole di Navarra e la sapienza con cui descrive le cose che conosce (è un importante avvocato penalista) e le emozioni che riesce a trasmettere attraverso la penna, rendono il romanzo, anche se abbastanza corposo, veloce da leggere e un ottimo compagno per le serate in relax.

Ci si può appassionare semplicemente alla storia oppure fermarsi a riflettere sulle vite di immigrati e italiani in difficoltà che vivono a stretto contatto in casermoni in cui sono tutti incapsulati e dove i litigi e le sgomitate sono prevedibili e all’ordine del giorno.

Si mette in luce, con la leggerezza di un romanzo thriller, il vissuto delle diverse parti che sono al centro dei problemi sociali legati all’immigrazione. Storie spesso tristi si intersecano con le difficoltà dovute alla situazione generale e alle vicissitudini di ciascuno. Non si ha il tempo di elaborare il lutto, ma bisogna continuare per la propria strada e pensare ai problemi di tutti i giorni per sbarcare il lunario.

Queste questioni vengono affrontate dal punto di vista del legale, che, pur vivendo in un altro ambiente, si sente partecipe e ha bisogno di capire il contesto.

Nella tana del serpente è una lettura piacevole o impegnata, secondo il punto di vista da cui si vogliono leggere queste pagine.

Nella tana del serpente

Tra gli alti palazzi del Corviale, alla periferia di Roma, la vita è grigia come il cemento che ricopre i suoi edifici. Elia Desideri è un piccolo commerciante che cerca di tirare avanti come può, mentre suo figlio viene risucchiato dalle false promesse della banda del quartiere, chiamato volgarmente “Serpentone”.

Uomo amareggiato e scontroso, Elia si scaglia spesso contro gli immigrati che vivono attorno a lui. Quando uno di questi viene ritrovato morto, Elia diventa immediatamente il principale sospettato. Eppure, l’uomo giura di essere innocente e chiede aiuto a Gordiani.

Cosa dicono del libro:

Presentazione del libro Michele Navarra
Nella tana del seprente, libro scritto dall'Avvocato Navarra

Potresti essere interessato anche a..

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Magazine Web