Cos’è la demenza senile e come accorgersene?

Cosa è la demenza senile?

Quante volte si sente parlare di demenza senile senza però davvero sapere cosa sia realmente. Solo chi è a stretto contatto con una persona che ne è affetta può capire le difficoltà di chi affronta questa malattia, tuttavia, in questo articolo cercheremo di approfondirla meglio.

Parliamo di una malattia neurodegenerativa che si manifesta in un deterioramento progressivo delle funzioni intellettive e mentali, colpendo soggetti anziani poiché fa la sua comparsa con il naturale invecchiamento dell’individuo, tuttavia può manifestarsi anche la demenza senile precoce.

La forma più comune di demenza senile è il morbo di Alzheimer ma ce ne sono diverse tipologie, come ad esempio quella causata dalla mancanza di flusso sanguigno al cervello, in questo caso parliamo di disturbo a livello vascolare, in particolare la demenza vascolare ultimo stadio è particolarmente debilitante poiché non si è autosufficienti in nessuna normale attività quotidiana. Vediamo come si manifesta la demenza senile.

Come si manifesta

La malattia colpisce l’encefalo e fra i sintomi demenza senile quello che caratterizza ogni individuo che ne è colpito è la riduzione irreversibile delle facoltà cognitive.

Le cause ancora non sono molto conosciute, possiamo dire che esistono dei fattori di rischio o genetici che concorrono alla sua comparsa, in ogni caso è abbastanza semplice individuarla poiché al contrario, i sintomi demenza senile sono ben chiari: si manifesta in diversi stadi e in quello iniziale ci sono lievi deficit di memoria, linguaggio e ragionamento.

La demenza senile sintomi iniziali può anche comportare, in base al soggetto, occasionali problemi della personalità che andranno ampliandosi nello stadio intermedio, ovviamente con un peggioramento anche degli altri sintomi.

Arriviamo poi allo stadio più grave dove l’individuo perde totalmente la sua indipendenza poiché non riesce a riconoscere i volti dei cari, a ricordare le cose più semplici, a muoversi autonomamente, a parlare in modo chiaro, a controllare lo sfintere.

Cause e sintomi 

Capire demenza senile significato è abbastanza complicato, ma possiamo dire che la condizione è scatenata da due processi che si manifestano in età avanzata: la morte delle cellule nervose del cervello e la compromissione della loro capacità di comunicare con altre cellule.

Come già detto, in alcuni casi la demenza senile può essere ereditaria ma non necessariamente il figlio di una persona che ne è affetta la manifesterà in anzianità. Infine, fattori di rischio come carenza di vitamine, eccessivo fumo e alcool, ipertensione arteriosa, diabete, livelli di colesterolo troppo alti nel sangue.

Analizzando i sintomi, oltre la demenza senile allucinazioni, che consistono nel vedere persone e cose non reali, altri sintomi sono: problemi di memoria a breve termine e nello stadio avanzato anche a lungo termine, mancanza di giudizio, difficoltà nell’esprimersi, perdita delle abilità cognitive, incapacità di ragionamento e calcolo, confusione e disorientamento, difficoltà nell’eseguire le banali attività fino a una completa perdita dell’indipendenza, problemi a riconoscere i colori e le lettere, difficoltà nel deglutire, perdita del controllo motorio poiché l’individuo si muove sempre di meno.

Trattamento 

I sintomi Alzheimer e demenza senile sono molto invalidanti e non è facile all’inizio, per chi sta accanto a queste persone, capire davvero le loro esigenze. Purtroppo non esistono attualmente demenza senile cure, l’unico trattamento per arrestare il processo neurodegenerativo è far regredire i sintomi e per farlo i medici adottano diverse strade:

  • Farmaci inibitori dell’acetilcolinesterasi, antidepressivi e antipsicotici,
  • Fisioterapia per alleviare i disturbi motori, dal momento che il paziente cammina sempre di meno,
  • Terapia occupazionale, con il duplice obiettivo di rendere il più possibile autonomo il paziente e aiutarlo nel reinserimento sociale,
  • Terapia comportamentale per ridurre l’aggressività e l’impulsività tipiche della malattia,
  • Terapia del linguaggio per una migliore comunicazione,
  • Stimolazione cognitiva con esercizi che allenano la memoria e la capacità di problem solving,
  • Stile di vita sano seguendo un buon regime alimentare e una regolare attività fisica.

Demenza senile come comportarsi 

Trattandosi si una condizione che non può essere risolta al 100% ma sono alleviata, bisogna pensare non solo ai disagi del paziente ma anche di chi amorevolmente se ne prende cura, che potrebbe essere un familiare o un badante. Per quanto riguarda la demenza senile cosa fare non ci sono regole particolari, l’unico consiglio è quello di assecondare i bisogni della persona e cercare di farla sentire sempre a proprio agio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Magazine Web